• Le filiere corte auto-organizzate dai consumatori: il modello dei

    Le filiere corte auto-organizzate dai consumatori: il modello dei

    Mofakkarul Islam, Why bother with Bere? Elenco alfabetico delle riviste Riviste in corso per disciplina Come effettuare una ricerca Servizi per gli Autori Servizi per biblioteche ed enti Come abbonarsi alla versione cartacea Come abbonarsi alla versione online Servizi online per atenei Servizi per utenti privati Abbonarsi ad una versione cartacea o online Scaricare un articolo online Il costo di un download credit Acquistare un download credit Acquistare un singolo fascicolo come e-book Foreign orders Come acquistare arretrati Canoni abbonamenti.

    This paper is a literature review that focuses on the development of AlternativeAgri-Food Networks aafns and, in particular, on the development of Short FoodSupply Chains sfscs.

    In the first part of the article we give a description of the social-cultural and environmental aspects which define aafns. We verified that mainly two factors mostly influencethe characterization of the alternative food streams: embeddedness and food localization.

    The concept of embeddedness integrates social, environmental and health issues,while re-localization defines the tendency to build networks based on productionand consumption of local food and the development of a "local culture", basedon the valuation of food origin, community traditions and food habits. This supposition has been contradicted by several recent pieces of research,and we have pointed out further criticisms of sfscs, such as the costs farmers have tobear when selling directly to the public.

    The article ends by setting out our considerationsregarding the development of aafns and sfscs and offers some suggestions,for starting points for future research.

    Bando Mise Macchinari 75% e bando inail 65% a fondo perduto ContributiRegione ing di Sarra

    Akaichi, F. British Food Journal, 1 Shifting plates in the agrifood landscape: the tectonics of alternative agrifood initiatives in California.

    Journal of Rural Studies, 19 1 Hyper-real territories and urban markets changing conventions for local food — case studies from France and Norway —. Anthropology of food, 4, Barham, E. Translating terroir: the global challenge of French aoc labeling.

    Documento PDF - AMS Tesi di Dottorato

    Brown, E. Motivations of consumers that use local, organic fruit and vegetable box schemes in Central England and Southern France.

    Appetite, 53 2 Local food and alternative food networks? Anthropology of Food March Brunori, G. Differentiating countryside: Social representations and governance patterns in rural areas with high social density: The case of Chianti, Italy. Journal of Rural Studies, 23 2 Co-producing Transition?La periferia milanese e Bovisa La periferia tra problemi reali e stereotipi Progettare la periferia Rimettere i quartieri periferici al centro delle politiche.

    I confini fisici e visivi del territorio I confini vissuti, fra memoria e percezione I confini del passato I confini di oggi. Gli obiettivi del progetto Cronoprogramma: fasi e obiettivi specifici I luoghi comuni Il Fabbricone. Costruire cultura, produrre spazio pubblico Gli strumenti temporanei Cinque anni di sperimentazione in Bovisa: Il Fabbricone e Campus Off. Da marzo entrambe siamo entrate a far parte del laboratorio contribuendo attivamente alla definizione dei progetti.

    Le abitazioni e le botteghe ne costituivano il tessuto. Con il Rinascimento il ruolo politico dello spazio pubblico comincia a declinare. Piazza Anfiteatro, Lucca. Oggi assistiamo al moltiplicarsi dei luoghi fisici della vita collettiva e degli spazi della formazione civica e culturale libri, internet, dibattiti, ecc.

    Che significato possiamo allora attribuire allo spazio pubblico contemporaneo?

    Free fire auto headshot sensitivity settings

    La letteratura tende a riproporre modelli di spazio pubblico. Boniburini sintetizza lo spazio pubblico nelle due macrosfere dello spazio intenzionale e dello spazio anarchico, non intenzionale. Riprendendo queste due definizioni e declinandole in spazio progettato e spazio.

    Queste due grandi definizioni non sono legate a un momento storico preciso ma sono trasversali: ci sono spazi non progettati del passato e spazi progettati contemporanei e viceversa.

    Spazi non progettati sono, invece, quei luoghi inaspettati, non Definizioni interessanti di spazio pubblico si ritrovano in gruppi multidisciplinari che comprendono architetti, urbanisti, artisti, antropologi e sociologi.

    For space in the image of man is place, and time in the. Lo spazio pubblico non progettato si lega alle pratiche delle popolazioni, agli usi inaspettati dei luoghi, ad azioni che giocano sulla poetica dei luoghi e stimolano nuove pratiche. Luoghi comuni provvisori fare.

    Secondo gli studiosi dello spazio pubblico15 esiste un forte collegamento tra spazi pubblici e cittadinanza. Per Lefebvre16, in particolare, esistono luoghi specifici in sistemi spaziali propri di ogni formazione sociale che garantiscono una relativa coesione proprio per le pratiche sociali che si sviluppano e che inglobano produzione e riproduzione.

    Appropriazione Quando spazi convenzionali vengono adattati a molteplici usi in modi generalmente considerati accettabili. Tornano alla mente i mercati di strada in Messico, Sempre gli Stalker a Roma organizzano passeggiate.

    Ourpact jr hack

    Luoghi comuni provvisori Oggi le pratiche sociali e urbane devono per forza fare i conti con dinamiche di trasformazione sociale e riorganizzazione urbana. Le trasformazioni dei centri storici riguardano la perdita delle loro funzioni originarie, a partire da quelle abitative, dovuta al fatto che sono diventati luoghi di transito di beni e persone, sia per il loro alto livello di attrazione turistica sia. Al loro posto si sono insediate popolazioni cosiddette gentrificate, ma anche turisti, city users, stranieri e, nei quartieri universitari come Bovisa, studenti.

    Riconoscere le pratiche sociali della.

    Le filiere corte auto-organizzate dai consumatori: il modello dei Gruppi di Acquisto Solidale

    Boniburini,in Bottini F.I edizione: luglio Il caso del cratere aquilano Stefania Camplone. Geografie dello scarto vs. Disegni di una traiettoria possibile Anna Terracciano. Napoli est. Il valore ambientale del recupero delle risorse estratte e accumulate nei territori delle cave. Nuovi processi di riciclo per i paesaggi estrattivi come brownfields Nicola Martinelli, Francesco Marocco, Giovanna Mangialardi. Un mondo inverso che va rilevato, esplorato, rappresentato in nuove mappe.

    Il progetto di rigenerazione assume il riequilibrio ambientale e la resilienza come obiettivi delle strategie del riciclo.

    Processi, flussi e impianti in cui i rifiuti si depositano, si trasformano o vengono sepolti e abbandonati. Dietro tutto questo esi. Il territorio dei rifiuti e degli scarti colto nel suo spessore e nelle sue stratificazioni deve trasformarsi in una complessa infrastruttura al servizio del riequilibrio ambientale e della riqualificazione urbana.

    Il risultato sarebbe una economia avanzata, forte, in espansione. La questione dei rifiuti coincide con la questione ambientale. Sono un danno ambientale e un danno economico. Quando si compie il loro distacco, il loro allontanamento dalla vita sociale ed economica? I rifiuti per poter trasformarsi pienamente in risorsa economica e ambientale, hanno bisogno di essere al centro di un cambiamento culturale: nelle politiche, nei comportamenti, nella pianificazione, nel progetto.

    I rifiuti urbani, industriali, agricoli pongono la questione della bonifica dei siti inquinati, delle discariche, dei drosscapes.

    Monteverde refill roller

    I rifiuti richiedono la bonifica e la manutenzione del territorio. Di questo si tratta. La loro drammatica evidenza non ha ancora prodotto un processo di innovazione disciplinare.

    Que dice la biblia de la intimidad en el matrimonio

    Dal macro al micro, dal territorio delle grandi reti, a quello minuto dei contesti locali. Anche in questo risiede la crisi delle discipline del piano e del progetto. I processi di produzione e lo smaltimento dei rifiuti lasciano sul territorio le loro tracce, costruiscono i nuovi paesaggi del drosscape, producono un immenso mosaico di aree degradate e a rischio.

    Riciclare ma anche preservare, riqualificare ma anche far convivere i territori urbani e produttivi, con quelli contaminati. Non basta. Come intervenire su questa crosta aggiuntiva, come renderla partecipe di un progetto di riconversione e di riqualificazione ambientale? Reti naturali, come i fiumi, sono anche reti infrastrutturali. Nel corso del XXI secolo i mutamenti saranno consistenti e verosimilmente anche catastrofici. Dobbiamo immaginare territori attraversati da reti infrastrutturali e ambientali insieme.

    Reti artificiali che si naturalizzano e reti naturali che si rafforzano attraverso la scienza e la tecnologia. Un sistema di grandi reti interconnesse tra loro e a quelle minori dei territori locali. Allora non era. In che misura i rifiuti sottendono un cambiamento di paradigma? Come progettare queste filiere? La parte non riciclabile viene trasferita in discariche.Sotto-vita o insubordinazione?

    Sguardo obliquo Nella La disinformazione giornalistica scomposta ed emergenziale sta facendo da narratrice unidirezionale alla situazione complessa in cui siamo immersi da un mese a questa parte.

    Considerazioni intorno alla nuova legge francese di bioetica. Contro il transumanesimo. Dobbiamo conservare le parole e chiamare le cose con il loro giusto termine. Dobbiamo creare delle idee assieme alle loro inevitabili conseguenze. Salviamo le parole. Distruggiamo le macchine. A maggio sono stati selezionati piccoli comuni italiani per la sperimentazione della Rete 5G alla totale insaputa degli abitanti.

    Belle anime con le mani sporche. Smascherare i biologi, svuotare i laboratori biologia sintetica, riproduzione artificiale di animali e umani. Smascherare i cibernetici, svuotare i laboratori intelligenza artificiale, macchine autonome, e-life.

    Maria, 35 Rovereto a cura di Resistenze al Nanomondo. Cambio di data, dal 30 novembre al 18 gennaio ore Costruisci il futuro. Sii il futuro. Spazio di documentazione La Piralide — lapiralide. Meccanici i miei occhi. In questo libro sono raccolti gli interventi della Campeggia Femminista contro la riproduzione artificiale e il sistema che la rende necessaria. Quel Sport? Nati in laboratorio.Metrics details. Basing on a survey involving food shoppers interviewed at alternative markets in Italy, this paper studies the factors explaining the quantity of food that customers choose to buy there, with respect to the quantity they purchase through conventional channels.

    Results show that their motivations to buy at alternative markets are crucial to increase the share of food provisions attained through these channels, especially when quality and environmental motivations are concerned. These findings disclose a potential in terms of upscaling of alternative food networks, linked to the identification of the consumers segments that are more likely to use these channels as a main source of food provision, and to the types of business models that can more likely increase the quantity of food purchased.

    The industrialization of the global food supply chains, which occurred in the past decades, has raised several concerns over the sustainability of our food systems Aggestam et al. As a reaction to these challenges, many food chain actors have started to join alternative production and consumption patterns, grounded on the re-localization of the food systems Kneafsey et al. This situation facilitated the development of alternative food networks AFNs arising in contrast with mainstream distribution channels based on large-scale production and standardization Renting et al.

    However, their success is strictly connected to the changing demand of consumers, that in the same years turned to a higher attention to quality Goodman and a greater awareness of the environmental and social issues linked to mainstream food systems Ilbery and Maye In Europe, the diffusion of AFNs is more recent, and the UK is the country where they have encountered the greatest success.

    Despite their increasing popularity, AFNs are still regarded by most customers as a complementary source of food provision, and they still represent a niche in the food market. Unfortunately, no data is available on their market share and turnover, rather AFNs are not even regarded in the national statistics on the market shares of the distribution channels. At the moment, it can be stated that AFNs are not even competing with mainstream distribution channels, as the quantity of food purchased by customers at these markets is too little.

    This will allow to identify the factors that can be used in the marketing strategy of AFNs to increase their importance in the food market. To reach this objective, the paper is organized as follows. First, the research problem is framed within the relevant literature, to argue that an increase in the quantity of food purchased through AFNs may have a positive effect in terms of food system sustainability.

    Cambiamenti ed evoluzione del pastoralismo in Sardegna

    Results are compared and discussed with respect to previous findings in the literature, while some potential trajectories of development of AFNs are suggested in the conclusions. The core features of different AFN models depend on their value proposition and the way it is put into a process of value creation and capture Barth et al.

    The role of the AFN initiator is crucial to this respect, as it shapes all the ambition behind the initiative, including the organization pattern, the characteristics of the products on sale, and the type of relation established with the customers Wubben et al. AFN business models may either be initiated by i individual farmers, ii collective associations of producers, or iii farmers and consumers together Chiffoleau et al. In the first case, the farmer takes the initiative by selling directly to consumers at the farm or at open-air markets, or even by taking orders on the internet and delivering products to consumers at home Chiffoleau et al.

    Other models of AFNs concern the joint efforts of producers and consumers, that may commit themselves to a mutual support, as in community-supported agriculture schemes Blasi et al. There are several reasons explaining the attraction that AFNs exert on consumers. One is that they believe that local products have a higher quality than products sold through mainstream channels Wolf et al.

    Ethical and environmental reasons can also be important Kneafsey et al. Supporting the local economy is becoming a factor in food choices, and consumers are ready to pay extra for locally produced food. Although the current literature on AFNs is now much less enthusiastic about their potential contribution to sustainability than it was in the early years of their emergence Forssell and Lankoskithe research supports the idea that shortening food supply chains results in a positive impact on a number of issues relevant for sustainability at the local level.As the access to this document is restricted, you may want to search for a different version of it.

    Tote borsa borsa valentino catawiki valentino

    Galassi, Francesco L. Fabio Sabatini, You can help correct errors and omissions. When requesting a correction, please mention this item's handle: RePEc:fan:ecaqec:v:html See general information about how to correct material in RePEc.

    For technical questions regarding this item, or to correct its authors, title, abstract, bibliographic or download information, contact: Angelo Ventriglia.

    If you have authored this item and are not yet registered with RePEc, we encourage you to do it here. This allows to link your profile to this item. It also allows you to accept potential citations to this item that we are uncertain about. If CitEc recognized a reference but did not link an item in RePEc to it, you can help with this form. If you know of missing items citing this one, you can help us creating those links by adding the relevant references in the same way as above, for each refering item.

    If you are a registered author of this item, you may also want to check the "citations" tab in your RePEc Author Service profile, as there may be some citations waiting for confirmation.

    Please note that corrections may take a couple of weeks to filter through the various RePEc services. Economic literature: papersarticlessoftwarechaptersbooks. FRED data. The work aims at formulating hypothesis on the actual alterity Kirwan, ofthose realities that either define themselves or have been considered in the Calabriapolitical, social and scientific contexts as examples of "filiere corte", that is as foodpractices characterised by the afn Alternative Food Networks features, in the waythey have been defined by the international scientific literature.

    Favouring a theoretical frame that allows considering the existing realities asdynamically interacting, rather than opposing each other, Convention Theory is thetheoretical starting point operationalized through the Granovetter concept of "emebeddedness": "filiere corte" are identified as one of the possible conventionsorganizing the Calabria agri-food system and shaping in the relation with the otheragri-food, political and social systems.

    Moreover three hypothesis ontheir technical, social and political "alterity" have been introduced: in the first case itcould derive from their ability to close the food chain, merging supply and demand;secondly it could be founded on their capacity to stimulate local form of socialcooperation; third they seem to require an innovative participatory approach in orderto be politically framed.

    Each of the three hypothesis are theoretically elaborated andrequire further empirical tests. Handle: RePEc:fan:ecaqec:v:html Corrections All material on this site has been provided by the respective publishers and authors.

    Louis Fed. Help us Corrections Found an error or omission? RePEc uses bibliographic data supplied by the respective publishers.Notizie dalla rete. Daniel Goleman. Quattro gli elementi chiave. Sono: servizi di corrispondenza, pacchi e distribuzione; pagamenti, mobile e digitale; finanziari; assicurativi.

    Lo ricorda la relazione finanziaria pagine! Il capitale immobilizzato al 31 dicembre scorso si attesta a 4. Si aggiunge la rete web. Gli sportelli? Da novembre i consulenti si sono specializzati negli ambiti finanziario oppure in corrispondenza, pacchi e distribuzione. Le spedizioni affidate al gruppo Poste italiane -lo annota la relazione finanziaria sono gestite attraverso due reti logistiche, integrate e sinergiche fra loro.

    In questo caso, gli invii vengono raccolti, oltre che agli sportelli postali, tramite 4. La suddivisione avviene in 3 impianti automatizzati e in altri 8 minori.

    Le cifre in parte riequilibrate con gli aumenti tariffari del Cassetta a Regoledo, frazione di Berbenno di Valtellina Sondriocon indicazioni in quattro lingue foto: Federica Corradini.

    Secondo gli esperti, ci sono ancora margini di crescita e Poste italiane si organizza. Le collaborazioni per vari obiettivi. Il documento cita infine lo sviluppo della rete puntoposte: oltre 6mila luoghi alternativi, in prevalenza tabaccai e armadietti, che si sommano agli uffici postali. I ricavi da 7 a 8. Pochissimi gli accenni al settore. E il mondo delle cartevalori? Lungo le pagine della relazione finanziaria relativa al Poste italiane lo cita solo due volte, e sempre per indicare i costi di produzione, in dodici mesi passati da 4 a 7 milioni di euro.


    Comments

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *